di

Francesco Cremonini
24/06/2020

Banchi da lavoro, suppellettili da laboratorio

Lavori sottobanco

Tra tutti gli elettroutensili che si prestano ad essere impiegati come piccole macchine stazionarie, una volta alloggiati su basi commerciali o autocostruite, l'elettrofresatrice è quella che più di tutti trae beneficio da questo tipo di installazione. La versatilità dovuta alla vasta tipologia di utensili utilizzabili viene ulteriormente incrementata nell'uso al banco, per via del fatto che è il pezzo a muoversi verso l'utensile e non viceversa, il che rende possibile impiegare frese più grandi e lavorare in sicurezza pezzi con sezioni più esigue di quelli lavorabili con la fresatrice portatile, per via dello scarso appoggio. Equipaggiato con una macchina relativamente potente, il banco fresa diventa iuna valida alternativa alla toupie nei lavori più leggeri di profilatura e realizzazione degli incastri. Il mercato nazionale e soprattutto quello estero incoraggiano questo tipo di trasformazione, sia con l'offerta di un buon numero di accessori utili nell'ambito dell'autocostruzione, che con la diffusione di basi di vario genere pronte all'uso.

Continua a leggere

Abbonati ora per avere accesso a tutti gli esclusivi contenuti online di Legno Lab!
  • La rivista a casa tua
  • Tutti i contenuti esclusivi
  • La newsletter Legno Lab
  • Accesso illimitato all'archivio
abbonati
Entra a far parte del laboratorio dedicato agli amanti del legno!
Abbonati ora a Legno Lab

Questo articolo fa parte di:

Rivista n. 6

Rivista n. 5

Guarda gli altri articoli contenuti
nello stesso numero di Legno Lab

Stai connesso

Ricevi aggiornamenti e articoli firmati Legno Lab

Non è stato possibile iscriverti alla newsletter
Ti sei iscritto con successo

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso