Coltello da piallaccio Kiridashi kogatana

I coltelli giapponesi da intaglio sono realizzati con gli stessi materiali, metodi e principi tradizionali usati nella fabbricazione di altre lame, come quelle degli scalpelli o delle pialle. Hanno perciò un tagliente di acciaio duro, ad alto tenore di carbonio, saldato a fucina a uno o due strati di ferro duttile. Forgiando il coltello con questo metodo, viene diminuito il rischio di rottura del tagliente, che essendo molto duro è implicitamente fragile e prono a fratture. La durezza d’altro canto permette anche di ottenere un lo più aguzzo e sottile rispetto a quanto possibile con una lama forgiata da una singola sbarra di acciaio.

Il coltello Kiridashi Kogatana di questa recensione, ha la lama e il manico forgiati in un unico pezzo per offrire uno strumento dalla manifattura semplice e poco costosa. Misura 180 x 21mm e può essere acquistato unicamente con lo smusso della lama sulla destra, ma lo stesso catalogo di provenienza (www. fine-tools.com) offre prodotti similari con smusso a destra o sinistra oppure da ambedue i lati. La scelta dipende dal tipo di uso che s’intende farne, ma in grandi linee lo smusso doppio offre più versatilità e consente meglio i movimenti a mano libera dell’intaglio, a scapito però della maggior perizia richiesta nell’af latura poiché i taglienti sono più corti.