Questo articolo fa parte della
Rivista n. 94

Scuri ad antina

Nei soggiorni inglesi c'è di solito un'ampia finestra che da luce a tutta la stanza. Ovviamente nella parte interna ci sono i classici scuri. Il modello più diffuso è quello a quattro ante. Non è solo una questione di stile ma anche di spazio. La questione è che le nostre finestre sono spesso incassate a filo della facciata esterna e l'imbotte che si viene a creare all'interno non consente un'apertura degli scuri a 180°. Quindi, avendo ad esempio una finestra larga un metro, ci ritroveremmo con ben cinquanta centimetri di sportello che ingombrano all'interno della stanza. Ecco svelato il motivo delle quattro ante. Se vi domandaste come abbiamo risolto il medesimo problema per le ante della finestra, sappiate che le nostre finestre sono del tipo a ghigliottina e non hanno sportelli. Un tempo la lavorazione di infissi e scuri era eseguita interamente a mano, usando pialle modanate per le cornici, sgorbie per ricavare le contro sagome delle modanature e pronderuole per i ribassamenti delle bugne. Tutti attrezzi oggi ancora disponibili. A parte il tempo per usarli! Ecco perchè hanno inventato le famose frese per antine. In pochi passaggi è possibile ottenere un risultato eccellente e pronto per la verniciatura.
ACQUISTA L'ARTICOLO IN FORMATO PDF

Entra a far parte del laboratorio dedicato agli amanti del legno!

ABBONATI

Per avere accesso
a tutti i contenuti online
di Legno Lab

ABBONATI ALLA RIVISTA

Sei già abbonato? Login

Ultimi articoli inseriti