Questo articolo fa parte della
Rivista n. 108

I tranciati

All’inizio del 1800 fu inventata la prima macchina per ottenere i piallacci meccanicamente e questo costituì un notevole passo avanti, sia per i tempi di lavorazione che furono notevolmente accorciati, sia per la qualità del prodotto che si otteneva con uno spessore costante. Comunque il sistema utilizzato comportava sempre l’uso di una sega che, per via dello spessore della lama e della relativa stradatura, sprecava un notevole quantitativo di materiale in rapporto al prodotto ottenuto. Solo verso la metà del XIX secolo fu possibile risolvere il problema con l’invenzione di una macchina che utilizzava un coltello, il quale asportava un sottile foglio di legno ad ogni passaggio, come se fosse una grande pialla. Questa operazione venne chiamata “tranciatura” e la macchina fu chiamata “trancia”; da qui il nome dei fogli ottenuti con questa operazione: il cosiddetto “tranciato”. Questo nome viene a volte utilizzato al posto di quello generalmente più usato che è impiallacciatura. Scopri tutti gli articoli su questo argomento

Entra a far parte del laboratorio dedicato agli amanti del legno!

ABBONATI

Per avere accesso
a tutti i contenuti online
di Legno Lab

ABBONATI ALLA RIVISTA

Sei già abbonato? Login

oppure
ACQUISTA L'ARTICOLO IN FORMATO PDF

Ultimi articoli inseriti

2018 All Rights Reserved © Legno Lab - P.I. 12873131002 REA RM-1406680

INFORMATIVA COOKIES: Il sito o gli strumenti terzi utilizzati dallo stesso si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.